Passer au contenu

Pays

Morel, Jean-Paul - Swissair, passion d’une vie - Swissair, la passione di una vita

translation missing: fr.product_price.price.original €39,00 - translation missing: fr.product_price.price.original €39,00
translation missing: fr.product_price.price.original
€39,00
€39,00 - €39,00
translation missing: fr.product_price.price.current €39,00
translation missing: fr.product_price.price.tax_line_html
Swissair, la passione di una vita

Jean-Paul Morel

Editions Nicolas Junod, 2019

Swissair, una storia di famiglia!

Marc Morel entrò in Air France 37 giorni dopo la sua creazione nel 1933. Il suo ispettore: un certo Jean Mermoz. Due anni dopo la liberazione, in un paese rovinato dalla Seconda Guerra Mondiale, Marc Morel fondò la filiale francese di Swissair in Place de l'Opéra.

Nel 1962 consegnò le chiavi della "Casa" per prendersi una meritata pensione.
Dodici anni dopo, suo figlio Jean-Paul Morel continuò l'epopea familiare, che continua a fondersi, attraverso le pagine di questo libro, con quella della compagnia aerea svizzera. La sua carriera lo portò successivamente a Parigi, Mulhouse, Francoforte, Ginevra, Abidjan, Tripoli...

Attraverso una saga familiare al servizio di Swissair per 50 anni, la compagnia si rivela e si presenta in un libro riccamente illustrato con rari documenti d'epoca, sia personali che familiari.

Una piacevole passeggiata attraverso i gloriosi trent'anni che hanno permesso alla compagnia svizzera di passare da pioniere dell'aviazione a vettore mondiale su cinque continenti. Si passa dall'aereo monomotore all'Airbus; si assiste alla fioritura di Cointrin, Kloten e Basilea-Mulhouse; si segue lo sviluppo del consorzio KSSU; si comprende meglio l'importanza del traffico aereo tra Francia e Svizzera; si apprende la storia attraverso il prisma dei manifesti pubblicitari o della filatelia.
Sembra che Swissair sia sinonimo della storia di Douglas: dal DC-2 al DC-10, la compagnia non ne ha perso uno, inclusi il DC-3, DC-4, DC-6, DC-7, DC-8 e DC-9... Ma ha anche avuto un ruolo importante nella storia di Convair con il 440 Metropolitan e il 990 Coronado (senza dimenticare Caravelle, Airbus e il 747). E se il trasporto aereo è ampiamente descritto, è probabilmente la trasposizione dell'eccellenza alberghiera svizzera nei cieli ad essere più attraente.

Si sorride all'evocazione del tempo in cui la pesatura dei passeggeri era indispensabile al check-in. Poi, come l'autore, si prova una fitta di tristezza al pensiero della scomparsa di questa "istituzione" aeronautica.

Nostalgia, quando ci stringi...
Un libro superbo.
240 pagine - in francese - 180 illustrazioni a colori