Passer au contenu

Pays

Mehtidis, Alexis - Aviazione militare sovietica (1917-1941)

translation missing: fr.product_price.price.original €10,00 - translation missing: fr.product_price.price.original €10,00
translation missing: fr.product_price.price.original
€10,00
€10,00 - €10,00
translation missing: fr.product_price.price.current €10,00
translation missing: fr.product_price.price.tax_line_html

Aviazione militare sovietica 1917-1941

Note sui suoi ordini di battaglia e sui tipi di aerei utilizzati

Alexis Mehtidis

Una somma impressionante che copre l'intera organizzazione dell'aeronautica e dell'aviazione navale sovietica dal giorno dopo la rivoluzione d'ottobre fino all'entrata in guerra dell'Unione Sovietica con la Germania nel 1941.

Nella prima parte, il Prof. Mehtidis riesce a redigere un preciso organigramma della confusa situazione aerea dopo il 1917: non solo della RKKVF (Red Workers' and Peasants' Air Fleet), ma anche della White Russian Air Force, nonché di tutti i distaccamenti aerei che Francia, Regno Unito, Italia, Grecia, Turchia, Polonia, Germania, Stati Uniti e Giappone inviarono a combattere al fianco dei russi bianchi. Per non parlare delle legioni autonome ceca, ucraina, georgiana, finlandese, lituana e lettone. Alla fine della Guerra Civile, tutti gli aerei intatti furono lasciati indietro e recuperati dai vincitori sovietici, per un totale di quasi 80 tipi diversi.

Tutte le unità e gli schieramenti sono elencati. Leggendo i diversi ordini di battaglia e le riorganizzazioni che seguirono fino al 1941, si possono notare i diversi gradi di autonomia che il regime comunista centrale concesse ai comandi regionali, il mutevole livello di fiducia politica che aveva nell'aviazione navale, così come la sua costante preoccupazione di avere un'adeguata infrastruttura scolastica e di addestramento. Si può anche notare la creazione di embrioni di istituti di ricerca aeronautica, il cui ulteriore sviluppo sarà il periodo di massimo splendore della ricerca aerospaziale sovietica della guerra fredda.

La seconda parte - di gran lunga la più lunga - è dedicata a tutti i tipi di velivoli che hanno volato in territorio sovietico tra il 1917 e il 1941. Non meno di 190 tipi sono rivisti con, per ognuno di essi, la manodopera e le unità che li hanno utilizzati. Una nomenclatura impressionante, perché, all'indomani della prima guerra mondiale, tutti i costruttori di aerei occidentali vendevano quantità impressionanti di aerei militari di tutti i tipi non solo all'Unione Sovietica, ma anche ai vari belligeranti della lunga guerra civile.

Diversi modelli occidentali furono prodotti su licenza in Russia, a volte a diverse migliaia di unità. Uno dei più famosi era il Polikarpov R-1, che è una licenza del DH.9 britannico.

Un riferimento indispensabile per tutti coloro che sono interessati alle origini dell'aviazione "rossa".

112 pagine - in inglese