Passer au contenu

Pays

Hooftman, Hugo - Aerei agricoli (1956)

translation missing: fr.product_price.price.original €0,00 - translation missing: fr.product_price.price.original €0,00
translation missing: fr.product_price.price.original
€0,00
€0,00 - €0,00
translation missing: fr.product_price.price.current €0,00
translation missing: fr.product_price.price.tax_line_html

Ecco cosa scrisse Hugo Hooftman nell'estate del 1956 come introduzione al suo libro:

“Nessun libro è stato ancora pubblicato sull'aviazione agricola nella letteratura olandese. Questo è il primo a occuparsi di quest'area relativamente nuova. L'aviazione agricola merita certamente una luce migliore su ciò che è già stato fatto in questo settore. Dopotutto, questo ramo dell'aviazione sta diventando sempre più importante. Si stima che nel nostro paese 18.000 ettari siano già spruzzati per via aerea ogni anno. Negli Stati Uniti, un paese in cui l'aviazione agricola ha assunto dimensioni davvero significative, 4.205 aeromobili sono già utilizzati esclusivamente per la somministrazione di sostanze agricole, mentre circa 2.000 sono utilizzati per la sorveglianza e altri lavori nel agricoltura e silvicoltura. Inoltre, gli "agricoltori volanti" hanno ancora circa 2.500 aerei per il trasporto. Verrà il momento in cui l'aereo sarà essenziale per l'agricoltore come il trattore? Il futuro ci dirà. È certo, tuttavia, che migliaia di agricoltori hanno già capito che l'irrorazione aerea ha molti vantaggi ed è ... più economica. Anche nei Paesi Bassi! Possa questa brochure trovare il suo posto tra gli appassionati di aviazione e gli agricoltori, perché per entrambi, l'aviazione agricola è un argomento molto interessante, che merita tutta la loro attenzione. "

Avremmo ancora il coraggio di scrivere questo oggi? 60 anni dopo, le preoccupazioni ambientali hanno sostanzialmente cambiato i dati per questo settore? Per quanto riguarda la spruzzatura di centinaia di ettari con pesticidi tossici, certo. Tuttavia, l'agricoltura intensiva ha ancora i suoi imperativi in numerosi continenti, anche se gli agricoltori devono stare più attenti alle sostanze che usano. Oltre un certo numero di ettari, l'impronta di carbonio del velivolo rimane inferiore a quella del trattore e, per le sue dimensioni limitate, il velivolo agricolo potrebbe benissimo essere tra i primi a un giorno beneficiare della propulsione elettrica. . Infine, un uso più selettivo di droni non inquinanti sta emergendo in fattorie più piccole e più umane. Non potremo mai rivivere la scena del film di Hitchcock "Death on the Trail", ma l'aviazione agricola rimarrà molto utile per molto tempo a venire.

58 pagine - in olandese

Uitgeverij "De Kern" Amsterdam