Passer au contenu

Pays

Earhart, Amelia - Il posto delle donne nella scienza (1935)

translation missing: fr.product_price.price.original €0,00 - translation missing: fr.product_price.price.original €0,00
translation missing: fr.product_price.price.original
€0,00
€0,00 - €0,00
translation missing: fr.product_price.price.current €0,00
translation missing: fr.product_price.price.tax_line_html

Una curiosità interessante.

Carica e ascolta l'intervento radiofonico di Amelia Earhart nel 1935.

Amelia Earhart è nata in Kansas nel 1897. Nel 1928 divenne la prima donna ad attraversare l'Atlantico, per poi diventare la prima donna a farlo da sola nel 1932. Le è stato poi chiesto di tenere frequenti conferenze pubbliche. In seguito ai suoi voli da record, è diventata rapidamente un'esperta oratrice pubblica in diverse campagne promozionali.
L'unico discorso di Amelia Earhart archiviato pubblicamente è una trasmissione radiofonica del 1935 in cui è stata invitata a parlare del posto delle donne nella scienza. Con questo programma radiofonico ha raggiunto il suo massimo livello di fama.
Questo discorso, per molti versi insolito, riflette il suo amore per la scienza e mira a coinvolgere le donne in essa. Era nota per aver incoraggiato le donne a rifiutare le norme sociali restrittive. Quando era alla ricerca di un liceo, la Earhart ne ha rifiutati diversi, finché non ne ha trovato uno con un programma di scienze adatto a lei. Nel 1929, ha contribuito a fondare un'associazione di donne pilota, che è diventata nota come "Gruppo dei 99". È stata il suo primo presidente. Nel 1933, lancia una linea di abbigliamento femminile pensata per "la donna che conduce una vita attiva".
Quando ha tenuto questo discorso, il viaggio aereo esisteva già da circa 15 anni. L'idea che le donne potessero volare, o proseguire gli studi scientifici, era molto insolita. Eppure ha sostenuto che le donne hanno un ruolo da svolgere nell'avanzamento e nell'uso della scienza e dell'aviazione. Questa è una visione "progressista", e l'ultimo punto del suo discorso si avvererà, ma solo in tempo di guerra: "E infine, c'è un posto nell'industria (aeronautica) stessa, per le donne lavoratrici".
Pur difendendo le idee d'avanguardia, il discorso è molto formale, normativo e ragionevole: all'epoca l'aviazione era un vero e proprio "ascensore sociale" ed era opportuno trasmettere questo messaggio all'alta borghesia americana.